Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Fragilità Disabilitata

  Durante la mia colazione silenziosa dialogavo col caffè e i tuoi occhi, senza mai prendere la decisione di dove andare. Quella mattina uscivamo con la macchina al collo sempre pronta a cogliere l’umanità nelle sue performances urbane, e tu a scorgere panorami ancora non fissati sul tuo sensore. Non ho mai capito come ci siamo finiti su quella strada, certo è che quella struttura l’abbiamo vista entrambi passarci accanto, fra i cespugli e gli alberi. Ormai avvezzi all’esplorazione, i cancelli e le recinzioni non fermavano la nostra curiosità che ci ha portato all’interno di una grande struttura ospedaliera dismessa recentemente. © Virginia Cassano Non ho trovato cronache relative a questo centro di sanità pubblica e poliambulatorio, che serviva l’area vasta della provincia toscana, sostituito poi da un ospedale nuovo. Sicuramente alcune ali dell’edificio sono state utilizzate fino a pochissimo tempo fa, mentre i piani superiori dedicate alle degenze sono stati svuotati e abb

Ultimi post

Cambiamenti (Fase 2)

Urbex: fotografare il passato

Libera tutti

Io, Virgi e Barcellona

Vangelo secondo Covid19

Come l'acqua

Ai miei figli

Finalmente la luce

Contattami!

Nome

Email *

Messaggio *