Pagine

domenica 16 novembre 2014

Io & Te



Virgichic

Il mio Io, il tuo Io non si interrompono mai, prendono il nome di "eterno", adesso che siamo Noi.
Passeremo nell'eternità, fisseremo questo istante per restare legati, mischiati,
 ossessionati così come io vedo te e così come il tuo sguardo mi accarezza ogni giorno.



Virgichic

Ho riempito le tasche dell'anima di falsi sorrisi, con i complimenti che evaporano fuori dal letto,
 con le promesse di chi ha cercato di confondermi.
Sono andata fuori dal mondo per cercarti, 
fuori di testa quando ti ho trovato, svuotando quelle tasche.
 Sperando in tanti dei, ho pregato solo il mio mettendomi in ginocchio, 
o aspettando di cadere ai suoi piedi affinché mi ascoltasse, senza giudicare, 
togliendo potere al dolore o al delirio.



Virgichic

Non chiedermi se sono felice, sai, la felicità non è uno stato d'animo perpetuo, 
ma la somma di istanti cristallizzati su fili precari, e tu contribuisci con molti di essi.
Un Noi divisibile in due vite a metà, ma che senza l'altra parte di storia non può esistere.
 Un Noi condivisibile in un cuore che incompleto geme e cerca l'assoluzione 
per i peccati non ancora commessi.



virgichic

Rendimi quel Noi per sopravvivere, per respirare quando manca l'aria,
 quando la città affonda ed io con lei,  se manchi tu!