Pagine

martedì 24 aprile 2018

Come l'acqua



Virgichic
Photo by Virgichic


Senti l'acqua dentro e non è la ritenzione idrica, nemmeno la testa vuota. È la sostanza che ti rende resiliente, perché come acqua ti adatti al contenitore e ti lasci contenere, ti lasci tingere di colori vivaci e cupi, ma resti te stessa. E poi scorri e lasci andare, ma lasci anche tracce di te. 


Photo by Virgichic

Rendi fertile la terra o righi il viso ma sarà soltanto una delle tanti emozioni che proverai fino ad essere colma e poi col  cuore caldo evapori e al primo freddo dentro, ricadrai al suolo come acqua.... E un nuovo ciclo ricomincia e pensi che se lo condivido creerà affluenti, torrenti tumultuosi ed insieme nel mare finiremo a confidarci desideri e problemi. Raccontare come abbiamo superato tutte le difficoltà , come abbiamo realizzato nuovi progetti di vita e di sviluppo personale, come abbiamo fatto a diventare forti imparando dall acqua che fluisce e non si arresta mai, nemmeno quando ti costruiscono una diga intorno e allora a quel punto diventi energia, potenza, forza della natura e diventi utile per altri esseri viventi, agisci, inondi di buoni esempi una foresta smarrita che sta perdendo il suo verde.



Photo by Virgichic


A quel punto credi che scrivere, postare, parlarne sia la soluzione, che serva davvero a qualcosa, che tu possa liberarti dei sassi sul fondo, liberarti dalla schiavitù del fare per ed invece non serve a nulla. La schiavitù dell essere umano è il non ascoltarsi e rispettare i propri tempi. Si è preda di orari, di impegni, di immagini, di aspettative senza dedicare il tempo vero a non far niente, niente conflitti, niente pensieri, svuoto la mente cinque minuti e riparto da me. E continuo a vedere il bicchiere mezzo vuoto, si tratta dello stesso punto di osservazione da mesi, forse anni. È ora di alzarmi e guardare da un altra angolazione come quando devo scattare una foto, scelgo l inquadratura e metto a fuoco e finalmente vedo il riflesso.


Photo by Virgichic



In quel bicchiere c'è acqua e comunque vada sarò a breve fuori da lì rovesciando il modo di pensare e ritrovando la mia natura liquida, libera di scegliere la forma, il sapore, il colore e la stagione per scorrere a valle e poi risalire.
Sei quegli occhi, quella labbra e quel sorriso dalla forma inesistente che nessuno può giudicare perché tu sei i sorrisi che farai, i pianti che sgorgheranno e sarai  nelle braccia che ti conterranno come in una brocca che stringe in vita e poi si apre in una bocca d estate. Sei ul lago fermo che contiene vita, sei il fiume che secca senza amore. Stasera andiamo a letto e innaffiamoci di pensieri positivi.


Photo by Virgichic


A presto