Pagine

sabato 15 giugno 2013

Caldo






Come se fossi nel deserto, investita da un vento africano, caldo e carico di odori lontani, forzo i miei piedi nella sabbia che scivola sulle mie orme, cancellando quelli che sono stati i miei passi e i miei sbagli.
Tornare indietro è impossibile, la strada non esiste più e gli spazi sono immensi      nel cielo e nell'anima.








                                                           






Sorpresa da una pioggia estiva, lascio le gocce esplorare il
mio viso nell'attesa che il tuo sorriso torni come il sole dopo il temporale ad asciugare gli occhi.






     


                            
photo by Virgichic

Ti sento negli spostamenti dell'aria, durante le pause dal caldo di questa giornata quando mi suggerisci pensieri nuovi.
Mi tieni con te vicino alla tua ombra sulla sabbia e ascolti il mio battito.

Mi congiungo a te, fertile come la terra, padrona delle mie cavità feconde.

Virgichic 2013